Braccia sottratte all’agricoltura

E’ stato un incontro casuale in un pomeriggio di molti anni fa che ha cambiato (per la terza volta) la mia vita. Arrivai a quest’incontro pieno di pregiudizi, convinto che la Rivoluzione fosse un passaggio tutto politico che portava alla presa del Potere e che solo le masse operaie sfruttate dal lavoro capitalista poteva garantire. Ero convinto che, da lì (e solo dopo), avremmo cambiato il mondo per assicurare un futuro di  giustizia fatta di quella modernità negata dal capitalismo della barbarie e dell’arretratezza.
Ho incontrato le vite, le aspettative, le lotte, le speranze di chi lavora la terra. Lo ho fatto in tutti i continenti da militante del nuovo movimento contadino internazionale e ne ho scoperto la modernità, la forza, i grandi valori e la carica rivoluzionaria che parla agli interessi di tutti. 
Oggi, contadino senza terra per scelta e quasi per caso, cammino lungo nuovi sentieri fra i campi e le città espio le colpe della mia ingenuità e provo a muovere coscienze restituendo alla Terra le braccia e i sogni che in troppi e per troppo tempo abbiamo rimosso. Invano, per fortuna se la terra diventa la nuova pedagogia per il cammino collettivo e si fa liberazione.

Contatta Gianni: gianni.fabbris@altragricoltura.net
vedi la scheda di Gianni Fabbris

Braccia sottratte all'agricoltura
  • Di fronte al disastro del dominio agroalimentare, l’alternativa e l’alleanza sono globali o non sono. Aprile 16, 2018 Gianni Fabbris Si è chiuso il 24 aprile 2018 la settimana di lotta contadina che Altragricoltura e LiberiAgricoltori, rispondendo all’appello internazionale di Via Campesina, hanno voluto dedicare quest’anno “a quanti nelle campagne italiane non ce l’hanno fatta per la crisi”. Altragricoltura celebra il “17 aprile contadino” ogni anno dal 2001 quando, non ancora costituita formalmente, il suo gruppo promotore organizzato nell’Associazione Michele Mancino lanciò, insieme alla rivista “Carta dei Cantieri Sociali” ed al Comitato italiano “Amici del Movimento Sem Terra” l’appello “La terra senza Recinti”. Fin dall’inizio ci apparve chiaro che di fronte ai processi di trasformazione mondiale che impattavano in maniera devastante con ...
  • Costruire l’alternativa sindacale è interesse degli agricoltori. Altrimenti vivono opportunismo, velleitarismo e subalternità Gennaio 14, 2018 Gianni FabbrisQuando alla fine degli anni ’90, dopo diversi anni di lavoro sociale nelle campagne, muovendo da un’Associazione nata in Basilicata che conduceva iniziative contro il caporalato nelle campagne (l’Associazione Michele Mancino di cui ero il Presidente) abbiamo dato vita al percorso che ci avrebbe portato a Genova nel luglio 2001 riunendo i soggetti attivi del mondo agricolo contro la deriva neoliberista che determinava la crisi, non volevamo fare un sindacato. Volevamo solo “cambiare il destino dell’agricoltura italiana mettendo in campo un progetto nuovo”. Nacque, così, il Foro Contadino – Altragricoltura: uno spazio unitario in cui si incontrarono fin da subito agricoltori, allevatori, ...
  • Sicurezza alimentare: non è un problema tecnico ma di democrazia e di modello sociale. Maggio 19, 2014 Gianni FabbrisRicostruire un fronte di interessi comuni per difendere il territorio, la salute, il lavoro con la Sovranità Alimentare. Nel cuore del territorio con più alta concentrazione di allevamenti bufalini, a Pastorano a due passi dall’uscita di Capua dell’autostrada del Sole, nei saloni in cui si stava consumando l’ultima giornata dell’edizione della Fiera Meditaly (la Fiera intitolata alle tecniche ed alle tecnologie per la sicurezza e rivolta al mediterraneo), sabato sera scorso 17 Maggio 2014, è andato in scena un inedito confronto fra alcuni dei soggetti che più si sono impegnati negli ultimi anni sui temi della difesa del territorio, della sicurezza alimentare ...
  • L’ipocrisia svelata: le bandierine gialle sventolano al capezzale degli agricoltori. Febbraio 22, 2014 Gianni FabbrisGli ultimi dati INEA tratti dall’Annuario dell’agricoltura, da oggi disponibile in rete sul proprio sito sono impietosi e fanno giustizia di ogni residua ipocrisia (http://www.inea.it/annuario/edizione_2012). “Valore aggiunto in picchiata nel 2012 (-4,4% sull’anno prima) per l’agricoltura italiana ……. Viceversa, l’industria alimentare ha rafforzato le proprie posizioni con valore aggiunto in crescita del 3,4% e fatturato a +2,3 per cento, grazie alla componente export(+5,6%). E in particolare, grazie ai prodotti tipici del made in Italy …….” Appunto! Si sta compiendo il disegno: svuotare l’agricoltura italiana di funzioni produttive per consegnarla in mano ai padroni dei marchi del made in Italy che, così, hanno un grande valore ...
  • Tutti per Terra sulla Nostra Terra. Pratiche, organizzazione e progetti per riprendersi il futuro Luglio 27, 2013 Gianni FabbrisIl 29 Luglio sarò con una delegazione di Altragricoltura Basilicata composta da alcuni agricoltori a San Chirico Raparo (in  Basilicata), nel cuore dello scontro per liberare il territorio lucano dall’aggressione delle lobbyes petrolifere che proprio in quell’area conosce il massimo impatto. Saremo a San Chirico Raparo in C.da Le Mattine dalle 17,30 accogliendo l’invito arrivato dalla Comunità di pratica “Tutti a terra sulla nostra Terra”. Un invito che arriva nel momento in cui in Basilicata si discute delle prossime elezioni regionali di Novembre e i riflettori sono puntati sul teatrino degli accordi elettorali e sulle mosse dei candidati in pectore; riflettori ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi