Gli agricoltori non hanno l’anello al naso: noi non portiamo cappellini gialli e il 31 gennaio lo dimostreremo

MOVIMENTO RISCATTO
RETE DEI MUNICIPI RURALI

com. stampa

Tutto pronto per la manifestazione del 31 gennaio ad Altamura indetta dal Movimento Riscatto, dalla Rete dei Municipi Rurali e dal Tavolo Verde Puglia.
IL Sindaco di Altamura, Alessio Valente (presidente del tavolo dei sindaci rurali) ha divulgato oggi il documento su cui è convocata la manifestazione del 31 dopo che la sindaca di Altamura Rosa Melodia lo ha ieri consegnato all’Assessore all’Agricoltura di Puglia Leonardo di Gioia.

Oggi a Bari l’iniziativa contro i Consorzi di Bonifica. Tutto pronto per la manifestazione del 31 gennaio

RETE DEI MUNICIPI RURALI
MOVIMENTO RISCATTO

Com. stampa

Questa mattina un gruppo di circa 40 agricoltori si è recato a Bari alla sede del Consorzio di Bonifica (dove è stato stazionato un trattore con le bandiere del Movimento ed esposta la riproduzione di un assegno con i fondi frutto della colletta degli agricoltori) per tenere un presidio e presentare la manifestazione del 31 gennaio contro le “cartelle pazze” dei Consorzi di Bonifica e per la loro Riforma. Durante il presidio, Mimmo Viscanti, presidente del Movimento Riscatto prima ha letto il testo di una lettera di accompagnamento e poi ha firmato in diretta un assegno depositato al protocollo del Consorzio di Bonifica dell’importo “necessario a pagare quanto il Consorzio pretende pur non avendo prestato servizi e quanto, dunque, occorre per tenere in piedi un carrozzone insopportabile”.

Il 28 gennaio a Bari gli agricoltori pagano i debiti con i consorzi di bonifica

LUNEDI 28 GENNAIO GLI AGRICOLTORI SARANNO A BARI ALLE 10 AL CONSORZIO DI BONIFICA
PER PAGARE LE CARTELLE CHE IL CONSORZIO PRETENDE PER SERVIZI NON PRESTATI
PORTERANNO UN ASSEGNO POST-DATATO AL 31 GENNAIO, GIORNO DELLA MANIFESTAZIONE AD ALTAMURA
CHIEDERANNO AI DIRIGENTI DEL CONSORZIO DI INTERROMPERE LE PROCEDURE DI PIGNORAMENTO
E DI PORTARE LA RICEVUTA DEL PAGAMENTO AI SINDACI ED AGLI AGRICOLTORI IN MOBILITAZIONE AD ALTAMURA

Altamura, 26 gennaio 2019I lavori per la manifestazione del 31 gennaio ad Altamura contro i tributi del Consorzio di Bonifica chiesti senza che vengano prestati servizi reali, per pagare i debiti di carrozzoni clientelari ingiusti per un mondo agricolo già colpito da una crisi insopportabili, sono nel pieno dell’organizzazione.
Previsti centinaia di trattori, molti cittadini ed agricoltori e numerosi sindaci con i gonfaloni che compiranno in assemblea l’atto comune e collettivo della sottoscrizione della piattaforma proposta dal movimento Riscatto, dalla Rete dei Municipi Rurali e dal Tavolo Verde Puglia.
Lunedi 28 gennaio una delegazione degli agricoltori assistita da un trattore e coadiuvata dai sindaci e dalle organizzazioni si recherà a Bari alla sede del Consorzio di Bonifica Sud-Puglia al Lungomare Trieste 11 per depositare il pagamento con assegno di quanto il Consorzio di Bonifica chiede agli agricoltori per i servizi che NON HA PRESTATO negli anni scorsi e per cui sta procedendo agli atti ingiuntivi arrivando ai pignoramenti dei beni dei cittadini e delle aziende.
La stampa è invitata alle ore 10 di fronte alla sede  del Consorzio per documentare la firma che il Presidente del Movimento Riscatto, Mimmo Viscanti, apporrà subito dopo all’assegno post-datato che verrà depositato al protocollo del Consorzio in pagamento di quanto gli Uffici pretendono con l’invito al Presidente del Consorzio di portare la ricevuta del pagamento alla manifestazione che si terrà il 31 gennaio in modo da darne conto ai numerosissimi agricoltori che parteciperanno alla manifestazione ad Altamura.
Prima della firma (che avverrà davanti all’ingresso del Consorzio), verrà anche divulgato in anteprima alla stampa pugliese la banconota straordinaria emessa con garanzia della Regione Puglia e del Governo Italiano con cui a partire dal Primo Febbaraio (giorno successivo alla manifestazione di Altamura) gli agricoltori potranno pagare quanto il Consorzio pretende da loro senza averne pieno diritto con il modulo appositamente predisposto in modo da non dover subire il pignoramento dei beni e il blocco delle attività. La banconota sarà distribuita durante la manifestazione ai partecipanti ed a quanti ne faranno richiesta.
Dopo averla presentato alla stampa le banconote ed aver apposto pubblicamente la firma all’assegno, il Presidente del Movimento Riscatto, insieme ad un rappresentante della Rete dei Municipi Rurali ed uno del Tavolo Verde, depositeranno l’assegno con la lettera di trasmissione al protocollo del Consorzio di Bonifica e, successivamente, una loro delegazione, cui si aggiungeranno i rappresentanti delle Organizzazioni che stanno sostenendo la manifestazione del 31 gennaio e alcuni sindaci, si recheranno all’Assessorato all’Agricoltura di Puglia (al Lungomare Nazario Sauro 47/49) per depositare il documento con le richieste della manifestazione a base del 31 gennaio all’Assessore all’Agricoltura Leonardo Di Gioia.
Sarà, questa, l’occasione per invitare formalmente la Regione Puglia alla manifestazione del 31 ed a fissare una data nei tempi più rapidi per il confronto sulle proiposte avanzate che, al primo punto, hanno la richiesta della sospensione degli atti esecutivi e l’annullamento delle cartelle emesse a fronte di servizi non prestati.
La stampa è invitata alle ore 10 a Bari alla sede del Consorzio di Bonifica Sud-Puglia al Lungomare Trieste 11

Il 31 gennaio la manifestazione degli agricoltori e dei sindaci in Puglia.

Come annunciato in questi giorni si è svolta oggi, 24 gennaio 2019, presso il Comune di Altamura, la conferenza stampa indetta dal Movimento Riscatto, Altragricoltura e LiberiAgricoltori per presentare il programma relativo alla manifestazione che si terrà il 31 gennaio p.v. al fine di chiedere ai governi regionali e nazionale iniziative urgenti sui consorzi di bonifica.

Alla conferenza stampa hanno preso parte le delegazioni de il Tavolo Verde Puglia, la rete dei Municipi Rurali e i rappresentanti istituzionali dei Comuni di Altamura, Santeramo, Gravina in Puglia, Poggiorsini, Spinazzola e Minervino. Presenti anche i rappresentanti di LiberiAgricoltori e Altragricoltura.

L’incontro con la stampa è stato introdotto da Domenico Viscanti, agricoltore di Altamura e leader del Movimento Riscatto di cui ha già guidato la mobilitazione contro l’IMU Agricola imposta e poi ritirata dal precedente governo, che ha dato conto della grande partecipazione di agricoltori e forze istituzionali non solo del territorio dell’Alta Murgia ma anche dal brindisino e dal Salento, che ad oggi ha dato l’adesione per la manifestazione che, partirà proprio dal comune di Altamura.

“Finalmente” da detto Viscanti “possiamo contare su una sentita e partecipata adesione non solo del movimento agricolo ma delle istituzioni, alcune qui presenti; tuttavia diventa assolutamente necessario che le forze politiche diano il segnale che ci aspettiamo, in modo particolare il nostro appello va alle rappresentanze sindacali nonché al governo regionale, nella persona dell’assessore Di Gioia e al Governo Nazionale con il ministro Centinaio, di fare fronte comune affinché si si adoperino con maggiore attenzione e attivamente verso il mondo agricolo e rurale sempre più in crisi.”

Il Sindaco del Comune di Altamura, Rosa Melodia, ha sollecitato tutti i Municipi a prendere parte a questa importante manifestazione poiché “riteniamo che l’obiettivo è quello di intervenire in maniera efficace sugli Enti di Bonifica e degli enti riforma agricola a supporto non solo degli agricoltori ma anche di tutti i cittadini perché questo è un problema che investe tutti quelli che vivono in queste città e in questi territori. Siamo pertanto orgogliosi di poter affiancare anche con i nostri gonfaloni questa importante manifestazione. Riteniamo pertanto di dover interpellare il Presidente della Regione e il ministro all’Agricoltura quali soggetti rappresentativi di governo che devono essere accanto ai comuni ai cittadini per essere efficaci nella proposta di una nuova agricoltura.”

Un appello che è stato rilanciato dal sindaco di Minervino Murge, Maria Laura Mancini, “non vogliamo creare muri ma è necessario parlarsi, confrontarsi, per portare al governo nazionale e regionale la voce degli agricoltori e delle aree interne. Abbiamo bisogno di una vera e propria riforma agricola che vede tra le tante problematiche ora, più urgente che mai, quella delle cartelle esattoriali imposte dai consorzi. L’invito è di incontrarsi il 31 gennaio ad Altamura per dare voce a tutto questo disagio e dare voce a un’agricoltura innovativa.”

Grande soddisfazione espressa da Altragricoltura e LiberiAgricoltori, due delle organizzazioni sindacali che stanno aderendo all’appello all’unità ed alla partecipazione lanciata dal Movimento Riscatto e dalla Rete dei Municipi Rurali, attraverso le parole di Gianni Fabbris, che ha concluso la conferenza stampa sottolineando come il problema dei consorzi di Bonifica sia solo uno dei problemi che attanagliano l’agricoltura attraverso l’imposizione di cartelle esattoriali insostenibili a fronte di servizi reali sempre più inesistenti. “Grande merito al Movimento Riscatto per aver saputo in questi anni promuovere la partecipazione dal basso” ha sottolineato Fabbris, “e oggi ancora una volta protagonisti della fase di cambiamento di cui abbiamo bisogno. Il Movimento è nato durante la mobilitazione contro l’IMU agricola, una mobilitazione vincente e che non ha delegato a nessuno l’idea della rappresentanza. Dobbiamo tornare assolutamente a riprendere in mano il destino della nostra agricoltura e gli agricoltori devono essere protagonisti insieme ai comuni e ai sindaci. I municipi come quello in cui oggi siamo, Altamura, sono i luoghi dove dobbiamo riportare la voce dei soggetti veri e costruire insieme agli amministratori una prospettiva nuova che finora ci vede negata. Le campagne meridionali vivono in questo momento in una grande sofferenza, siamo in una grande crisi che ha molte ragioni ma che ha bisogno di risposte. Chiediamo pertanto alla Regione Puglia la sospensione immediata e l’annullamento delle cartelle che sono state emesse a fronte di servizi inesistenti”.

All’incontro hanno partecipato anche i rappresentanti dei Comuni di Santeramo, Poggiorsini, Spinazzola e Gravina in Puglia che hanno confermato la loro partecipazione e l’organizzazione di autobus di cittadini e agricoltori.

La manifestazione partirà alle ore 9 con un primo corteo di trattori che muoverà fino a incontrare i sindaci e i cittadini per arrivare al Palazzetto dello sport di Altamura dove si terrà l’assemblea e l’atto dei sindaci.

Invitati a partecipare il Presidente Emiliano, l’Assessore Di Gioia e il Ministro Centinaio oltre che tutti i sindaci dell’area, le forze sociali e sindacali, gli agricoltori e i cittadini.
Nella giornata di domani 25 gennaio verrà diffuso un appello all’unità rivolto a tutti i sindacati agricoli e dei lavoratori di Puglia perché “superino le divisioni e le contrapposizioni nell’interesse degli agricoltori e delle comunità”.

Da domani (25 gennaio) sul sito www.riscatto.info, le adesioni e i documenti

Centinaia di trattori ad Altamura – No ai Consorzi sanguisughe Sì alla Riforma

Invito alla stampa
(info: Gianni Fabbris 3466483882 – Mimmo Viscanti 3393433438)

Nei prossimi giorni centinaia di trattori, decine di sindaci e le comunità pugliesi invaderanno la murgia
“Consorzi di Bonifica: togliamoci dalle spalle il peso dei carrozzoni. Bonifichiamoli!”
E’ l’ora della Riforma! E’ l’ora di riprenderci il futuro! E’ l’ora del Riscatto delle nostre campagne!

Giovedì 24 Gennaio ore 11 al Comune di Altamura conferenza stampa di presentazione
La stampa è invitata

Giovedì 24 Gennaio al Comune di Altamura conferenza stampa di presentazione della manifestazione per chiedere iniziative urgenti sui consorzi di bonifica di Puglia e per presentare la lettera aperta ad Emiliano ed al Ministro Centinaio per la Difesa e il rilancio dell’agricoltura mediterranea.

Dopo la manifestazione del 7 gennaio a Bari, Altragricoltura e LiberiAgricoltori contro le strumentalizzazioni degli agricoltori.

Prendiamo le distanze sul dopo manifestazione del 7 gennaio:
evitate di strumentalizzare gli agricoltori vestendoli di gilet e cappellini.
Il 14 gennaio conferenza stampa a Bari in Via Giulio Petroni (Hotel Excelsior)
Aderiamo alle mobilitazioni del Movimento Riscatto e di altre associazioni e diffondiamo una lettera aperta agli agricoltori, agli eletti e ad Emiliano: l’agricoltura ha bisogno di riforme, di libertà e coraggio e non di strumentalizzazioni, di cappellini e gilet colorati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi