Agricoltura, i sindaci siciliani riuniti a Vittoria. Moscato. “La battaglia per i produttori arriverà a Roma”

tratto da Rete Iblea (leggi articolo originale)

Convocata dal sindaco Giovanni Moscato, si è svolta ieri a Palazzo Iacono una riunione dei sindaci e dei presidenti dei Consigli comunali di diverse città siciliane. Oggetto dell’incontro – cui hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di Scicli, Santa Croce Camerina, Monterosso Almo, Chiaramonte Gulfi, Pozzallo, Avola, Niscemi, Canicattì e una delegazione del Comitato anti crisi – la predisposizione di una strategia comune e delle iniziative da intraprendere affinché la battaglia a sostegno del comparto agricolo diventi di portata nazionale.
“L’argomento – dichiara il primo cittadino – deve tornare nell’agenda del governo nazionale, bisogna ridiscutere i trattati europei che hanno penalizzato la nostra agricoltura. L’interlocuzione con la Regione ha prodotto i primi risultati: Musumeci ha amticipato che incontrerà il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e il presidente dell’Inps, Tito Boeri, per la questione delle cartelle esattoriali. Ma non ci si può fermare: la battaglia deve arrivare a Roma. La nostra agricoltura dà lavoro ad oltre centomila unità: si tratta della più grossa industria del territorio e pretendiamo che questa crisi venga trattata come una vera e propria emergenza nazionale. Noi sindaci abbiamo il dovere di far giungere la voce dei produttori al governo nazionale, che deve assumersi le proprie responsabilità. Assieme ai produttori e ai colleghi sindaci abbiamo deciso di portare avanti alcune iniziative che comunicheremo a breve, appena saranno definite nel dettaglio. Noi sindaci avvertiamo la responsabilità di rappresentare e tutelare la nostra gente e, come abbiamo detto più volte, questa battaglia va condotta tutti assieme: nessuno può tirarsi indietro. Ringrazio i primi cittadini e i presidenti dei consigli comunali che sono intervenuti alla riunione, e ringrazio anche tutti quelli che, a causa delle avverse condizioni meteo, non hanno potuto essere presenti ma che ci hanno fatto sentire telefonicamente la loro vicinanza”.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi