Agricoltura: la Commissione Europea propone di abbattere le sovvenzioni

tratto da Commoditiestrading (leggi articolo originale)

La notizia è giunta a mercato nella giornata di mercoledì: la Commissione Europea ha proposto di ridurre sensibilmente le sovvenzioni agricole lasciando maggiore possibilità agli stati membri nella gestione della PAC (Politica Agricola Comune) adottata dal blocco: l’intervento della Commissione ha subito innescato fortissime critiche soprattutto da parte della Francia che ha definito un tale intervento totalmente impensabile.

La proposta avanzata dalla Commissione fa parte di una nuova pianificazione del budget pluriennale UE, un piano che sicuramente è destinato a scatenare aspre discussioni tra gli stati membri nel tentativo di colmare il deficit di finanziamenti derivante dall’allontanamento del Regno unito dal blocco.

Nel tentativo di ridurre i costi promuovendo politiche alternative i coltivatori vedranno ridotti i finanziamenti a 365 miliardi di Euro tra il 2021 ed il 2027 (5% rispetto al valore attuale degli stessi).

“Il taglio complessivo del 5% applicato alla PAC è un risultato che ritengo equo per gli agricoltori, soprattutto se consideriamo la sfida da 12 miliardi di Euro che implica la Brexit” (Phil Hogan, ​commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale).

La Francia, che di fatto è la nazione che maggiormente beneficia della PAC, ha definito “inaccettabile” la proposta ed ha sottolineato che rappresenta solamente un punto di partenza per futuri negoziati.

“Questa proposta rappresenta un rischio senza precedenti per la redditività delle aziende agricole ed incide direttamente sui redditi dei coltivatori per i quali gli aiuti diretti sono una vera e propria rete di sicurezza essenziale. La Francia non può accettare nessuna proposta che implichi un calo di reddito per i coltivatori locali” (Stephane Travert, ministro dell’agricoltura francese).

La proposta della Commissione prevede che i membri UE dovranno limitare i sussidi diretti alle grandi aziende agricole (a questo proposito la Commissione suggerisce un limite di 60000 Euro) oppure imporre pagamenti degressivi a seconda delle dimensioni delle aziende con la parte rimanente che verrà destinata alle imprese di medie e piccole dimensioni.

“Se la cosa sarà gestita correttamente gli agricoltori di medie dimensioni non risentiranno di nessun tipo di taglio. Il nuovo sistema offrirà una maggior flessibilità agli stati membri e consentirà loro di individuare e perseguire in modo più corretto gli obiettivi in termini ambientali” (P. Hogan).

Forti critiche alla proposta UE giungono anche dai sindacati di settore nonostante la stessa Commissione abbia proposto l’introduzione di un fondo che consenta di fronteggiare con maggiore efficacia eventuali criticità derivanti dall’imprevedibilità dei mercati internazionali.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi