PSR Marche misura 12: approvati i bandi per accedere ai pagamenti compensativi

tratto da M’agevola (leggi articolo originale)

La Regione Marche, nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, ha pubblicato i bandi relativi alle sottomisure 12.1 e 12.2, finalizzate a compensare agricoltori e proprietari degli svantaggi cui sono sottoposti a causa della adozione di pratiche agricole e forestali obbligatorie imposte dalle misure europee di conservazione e tutela delle aree Natura 2000.

Il Bando. L’attuazione delle Direttive europee rivolte alla protezione degli uccelli selvatici e degli habitat naturali e semi-naturali della flora e della fauna selvatiche contribuisce in maniera notevole a preservare la biodiversità dei siti della Rete Natura 2000. Ma, allo stesso tempo, può sacrificare gli interessi economici di agricoltori e proprietari. Tenendo conto di queste difficoltà oggettive, la Regione Marche ha attivato due bandi, la sottomisura 12.1 “Pagamento compensativo per le zone agricole Natura 2000” e la sottomisura 12.2 “Pagamento compensativo per le zone forestali Natura 2000” che prevedono pagamenti compensativi allo scopo di lenire gli svantaggi dei soggetti economici delle zone sottoposte a vincoli obbligatori.

Chi sono i destinatari delle sottomisure 12.1 e 12.2 del PSR Marche?
Possono aderire alla sottomisura 12.1:
l’imprenditore agricolo professionale;
gli organismi di gestione delle aree Natura 2000 possessori delle superfici oggetto di aiuto.
Leggi anche: In arrivo nuovi contributi a sostegno di attività forestali con il PSR Trento 2014-2020
Invece, possono aderire alla sottomisura 12.2:
i proprietari e possessori privati di superfici forestali;
le relative associazioni.
Solamente per la sottomisura 12.2 la superficie oggetto di domanda deve avere una estensione minima di 1 ettaro.

Quali sono le spese ammissibili per le sottomisure 12.1 e 12.2 del PSR Marche?
Per la sottomisura 12.1 il beneficiario otterrà l’aiuto per le misure di conservazione di diversi habitat, il recupero di aree aperte per il pascolamento, il recupero di aree di prateria, le misure di conservazione necessarie al mantenimento dell’avifauna, la redazione di piani di gestione delle aree aperte.
Per quanto riguarda, invece, la sottomisura 12.2 i contributi saranno erogati per le isole di biodiversità su una superficie del 3% in aree di taglio superiori a 3 ettari, il rilascio 10 matricine ettaro a invecchiamento indefinito, il rilascio di aree non tagliate su una superficie del 10 % su aree di taglio di almeno 1 ettaro, il rilascio fasce di rispetto di 10 metri lungo impluvi specifici, la marcatura piante ad invecchiamento indefinito.

Intensità di aiuto e massimali di spesa
Entrambi i bandi prevedono la concessione di una indennità annuale per ettaro di superficie utilizzata; l’importo è calcolato in base ai maggiori costi e ai minori ricavi connessi ai vari impegni.

Cosa fare per partecipare alle sottomisure 12.1 e 12.2 del PSR Marche?
La presentazione della domanda può avvenire solo per via telematica, attraverso una delle seguenti modalità:
rivolgendosi ad un Centro Autorizzato di Assistenza Agricola accreditato;
richiedendo l’assistenza di un libero professionista, accreditato dalla Regione e munito di relativa delega.
Per presentare la domanda c’è tempo fino al 15 maggio 2018.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi