Glifosato. Più del 90% delle donne in gravidanza avrebbe alti livelli nelle urine

tratto da Quotidianosanità (leggi articolo originale)

Tutte le gravidanze (71), tranne due, si sarebbero concluse prima del termine: così uno studio americano pubblicato su Environmental Health avrebbe evidenziato la presenza dell’erbicida nei campioni biologici, ma non in quelli dell’acqua potabile.

(Reuters Health) – Nove donne in gravidanza su 10 avrebbero elevate concentrazioni di glifosato nelle urine, un inquinante che, oltre a essere dannoso per la salute in generale, sarebbe associato a parto precoce. Succede in Usa, dove un gruppo di ricercatori avrebbe evidenziato il problema sulle pagine di Environmental Health. La ricerca è stata coordinata da Shahid Parvez, dell’Indiana University Fairbanks School of Public Health di Indianapolis.

Lo studio
Il glifosato è uno degli erbicidi più usati non solo negli Usa, ma in tutto il mondo. Nel 2015 e 2016, i ricercatori hanno reclutato 71 donne in gravidanza e hanno esaminato il loro consumo di cibo e bevande, il loro stile di vita, lo stress e il luogo dove vivevano. Inoltre, le donne hanno fornito due campioni di urina e due campioni di acqua potabile dalle loro case. I ricercatori, sulla base dei livelli di glifosato nei campioni di acqua e urina, hanno diviso le donne in quattro gruppi.

Complessivamente, il 93% delle donne aveva glifosato nelle urine durante la gravidanza. E coloro che vivevano nelle zone rurali avevano livelli più elevati rispetto alle donne che vivevano nelle aree urbane. Inoltre, le donne che bevevano più di 700 millilitri di bevande a base di caffè al giorno avevano concentrazioni di glifosato più elevate, anche se nessuno dei campioni di acqua potabile conteneva tracce dell’erbicida. Tutte le gravidanze, tranne due, si sarebbero concluse prima del termine. E tra le donne con i livelli di glifosato nelle urine più elevati, il parto avveniva prima rispetto a coloro che non avevano tracce di erbicida o ne avevano meno. Infine, il glifosato non sarebbe associato ad altri indicatori di crescita fetale, come peso e circonferenza cranica.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi