Dove sta il cambiamento?

Per oltre un secolo la mia è stata una famiglia di agricoltori per pura passione. Il primo di cui ho un ricordo nei racconti di mia madre, è il bisnonno. Siamo nei primi del novecento e il bisnonno, che di mestiere faceva l’architetto, dava in gestione a mio nonno una tenuta che possedeva alla Parrocchietta. Li mio padre, che era nato nel ’20, fa le elementari e diventa uno dei compagnucci della Parrocchietta, resi celebri da Alberto Sordi.

Elezioni Truffa al Consorzio di Bonifica di Basilicata – Incontro in Regione e Conferenza stampa il 24.7.18

La politica regionale esca dal pasticcio delle elezioni truffa al Consorzio e faccia il suo dovere
Riscatto, LiberiAgricoltori, Altragricoltura e UCI Basilicata non sono mai stati complici di decisioni che altri hanno condiviso
Martedi 24 luglio incontro in Presidenza a Potenza ed alle 11 conferenza stampa di fronte alla Regione


RISCATTO
Altragricoltura, LiberiAgricoltori, UCI Basilicata

23 luglio 2018, com. stampa – Matera
Domattina 24 luglio 2018 alle 9,30 presso la Presidenza della Regione Basilicata in Via Anzio si terrà l’incontro richiesto da Riscatto, Altragricoltura, LiberiAgricoltori e UCI Basilicata per consegnare alla Regione i documenti e le argomentazioni per cui le elezioni al Consorzio di Bonifica di Basilicata che si sono tenute illegittimamente il 15 luglio scorso vanno annullate urgentemente. Il Movimento Riscatto sottolinea come l’annullamento delle elezioni sia un atto dovuto da parte della Regione che ai sensi degli articoli 27, 28 e successivi della legge regionale n.1 dell’11 gennaio 2017 ne ha il potere e il dovere.
“Un atto dovuto per tre diversi motivi: per le denunce che abbiamo presentato sulle irregolarità e illegalità messe in atto dal Commissario Musacchio nel percorso di convocazione delle elezioni stesse e per come è stata gestita la giornata elettorale il 15 luglio scorso, perchè la sentenza della corte costituzionale affossa irremidiabilmente lo stesso impianto della legge costitutiva che ha dato origine ad elezioni evidentemente illegittime e, soprattutto, perché sul piano politico la Regione non può che registrare il fallimento di un percorso che ha portato a celebrare un atto contro gli interessi dei cittadini e degli agricoltori e la legge va profondamente riformata” hanno dichiarato Gianni Fabbris e Nicola Manfredelli.
“La riunione del 24 luglio offre alla Regione, che è chiamata a ratificare l’esito elettorale, l’occasione per ricondurre la vicenda sul piano della trasparenza e della democrazia riparando a forzature e distorsioni che, se fossero avallate, portebbero le istituzioni regionali nel discredito nazionale” ha sottolineato Fabbris confermando che, all’indomani della pubblicazione della delibera con cui il Consorzio pretenderebbe di certificare l’esito della truffa elettorale, ha provveduto a fare richiesta di accesso agli atti per avere copia (nel dettaglio) dei documenti relativi ai risultati elettorali di ogni singola sezione, alle relative certificazioni ed ai verbali sottoscritti. Questi documenti saranno parte della integrazione della denuncia alla Procura della Repubblica per cui è pronto un dossier sui numerosi casi di irregolarità e di impedimento al voto registrati ai seggi durante la giornata del 15 luglio scorso.
“Se la modalità con cui è stato gestito l’iter elettorale è illegittimo (messo in atto per impedire il voto ai singoli e la stessa presentazione di liste), è ormai chiaro che tutto l’impianto della norma va rivisto e va ridiscusso con gli attori sociali e i cittadini con percorsi trasparenti e di reale coinvolgimento. Meno del 4% degli elettori è andato a votare per un Ente che, secondo la Regione, dovrebbe assumere tutte le funzioni dei tre disciolti e ampliare le proprie competenze assumendo compiti delicati come quelli della forestazione. Un Ente elefantiaco che perderebbe (come sentenzia la Corte Costituzionale) il suo rapporto con l’utenza, le comunità e il territorio  per diventare uno dei più grandi Enti pubblico/privati del Mezzogiorno. Un Ente che si definisce “di diritto pubblico a base associativa” ma per cui è legittimo chiedersi quale siala base associativa se un migliaio di persone hanno votato su 35.000?” dichiara Gianni Fabbris, aggiungendo “La Regione si fermi e faccia il proprio dovere annullando le elezioni, prima che la magistratura (cui comunque ci stiamo rivolgendo) decida per la politica; per una volta dimostri di essere all’altezza di quel compito che non ha saputo assolvere scrivendo una legge incostituzionale”.
“Quanto, poi, alle responsabilità” dichiara Nicola Manfredelli “sia chiaro. Le decisioni assunte nel Tavolo Verde (il tavolo di concertazione fra la Regione, la Coldiretti, la Cia, la Confagricoltura e la Copagri) hanno visto l’UCI Basilicata contraria come dimostrano i verbali delle audizioni in Commissione Regionale, mentre Altragricoltura e LiberiAgricoltori non sono mai stati consultati pur avendo da sempre pubblicamente espresso critiche molto forti. Dunque sia chiaro: ognuno ha le proprie responsabilità e noi, che da sempre siamo stati contrari, abbiamo quella che ci viene dalla coerenza di impedire l’ennesimo sopruso contro gli agricoltori e i cittadini lucani”.
Al termine dell’incontro presso la Presidenze della Regione Basilicata alle ore 11 di fronte all’ingresso stesso in Via Anzio, la delegazione terrà un incontro con la stampa per riferire e per diffondere il dossier sul consorzio di Bonifica. La stampa è invitata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi