TerreJoniche riorganizza il suo organico il prossimo 14 Novembre 2015.

Incontro del Comitato per la Difesa delle TerreJoniche

14 Novembre 2015 – Ore 18:00

Azienda Agricola Rosario Terzi, nel pressi delle Tavole Palatine

locandina
locandina

Dopo 4 anni di iniziative e tanti risultati il Comitato per la Difesa delle TerreJoniche si incontra c/o l’azienda agricola di Rosario Terzi per ridefinire il suo assetto e il suo organico.
Dal 31 dicembre 2015, Gianni Fabbris non sarà più il portavoce di un comitato che ha saputo diventare comunità ed ha davanti un cammino ancora lungo e complesso.

Non è stato semplice diventare comunità cosi come non è stato semplice far capire alla politica che spesso i suoi tempi d’intervento, la sua gestione frammentaria e distratta di un territorio fortemente compromesso e vittima, sempre di più, di sciacallaggio sociale e ambientale unita alla sua sommaria attenzione per la sicurezza dei cittadini, spesso cozza con i destini di tanta gente.

Certo ancora siamo lontani da una sincrasia di intenti e da una riduzione delle tempistiche per quanto concerne le cause-effetto.

Nonostante tutto questa comunità, che raccoglie intorno a se cittadini di Puglia e Basilicata, è stata, grazie alla sua capacità di proposta e alla sua caparbietà di stare sulle questioni e risolverle, un interlocutore valido per le istituzioni regionali e di territorio che quasi sempre ha ritenuto il percorso del comitato un percorso fattibile.
2 milioni e 700 euro, queste le risorse distribuite agli alluvionati.
4 diverse dichiarazioni di stato di calamità ottenute per diverse decine di milioni di euro.
accordo con la Regione Basilicata sui risarcimenti e la convocazione della Conferenza regionale sulla messa in sicurezza.
Ora servono nuovi obiettivi, un nuovo gruppo dirigente giovane per portare a compimento quelli già fissati e rilanciarne altri in un territorio sempre più colpito dalla crisi sociale e ambientale.

Ci vediamo all’assemblea con la comunità delle TerreJoniche che in questi anni è cresciuta ed ha dato una grande prova di se.

 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi