Agricoltura: primo no Pe a nuove norme Ue commercio sementi

Pubblicato su Ansa.it (leggi articolo originale)

BRUXELLES, 30 GEN – Stop della commissione Ambiente del Parlamento europeo alla proposta avanzata dalla Commissione Ue sul ”materiale riproduttivo vegetale”, che comprende temi come la commercializzazione delle sementi e del materiale da propagazione. ”Abbiamo dato un chiaro segnale di voler garantire la sicurezza dell’agricoltura europea e il commercio internazionale dei semi, ma non a discapito della biodiversità e della libertà dei piccoli coltivatori di crescere e utilizzare le proprie sementi”, ha affermato l’eurodeputato del Pd Andrea Zanoni, commentando l’approvazione a larga maggioranza (46 a favore e 4 contro) di un parere destinato alla commissione Agricoltura. ‘‘L’approccio proposto, basato su un unico modello per tutti, non soddisfa né i diversi requisiti dall’ampia varietà di materiale riproduttivo vegetale né le esigenze degli operatori, dei consumatori e delle autorità competenti”, ha osservato Zanoni, secondo cui ”si rischia non solo di proibire il libero scambio di semi, ma di appesantire l’intera filiera da oneri amministrativi ed economici’‘. A inizio settimana il presidente della commissione Agricoltura, Paolo De Castro (Pd), aveva già annunciato il probabile rigetto della proposta dell’esecutivo Ue. Il testo di Bruxelles potrebbe creare ”un fardello amministrativo inutile per gli agricoltori e limitare la scelta e la trasparenza per i consumatori”, aveva spiegato De Castro. La commissione Agricoltura confermerà ufficialmente la bocciatura della proposta nella riunione dell’11 febbraio, una posizione che la plenaria dell’Europarlamento dovrebbe approvare a metà marzo. Il futuro del testo sul ”materiale riproduttivo vegetale” dipenderà poi dalle posizioni che saranno assunte dal Consiglio Ue e dalla Commissione europea.

Agricoltura: Umbria, 876 mln per programmazione regionale

Pubblicato su Agi.it (leggi articolo originale)

Perugia, 30 gen. – “In base al nuovo riparto dei fondi ‘Feasr 2014-2020′, nei prossimi sette anni l’Umbria potra’ contare su 876 milioni 591 mila euro (149 milioni cofinanziamento regionale) per realizzare la programmazione in materia di agricoltura. Del vecchio sono state Piano impiegate tutte le risorse disponibili. Nel 2013, attraverso Agea sono stati elargiti quasi 120 milioni di euro. Sostanzialmente, del vecchio Piano, su 792 milioni di euro sono state elargite il 65 per cento delle risorse, il rimanente 35 per cento dovra’ essere distribuito entro dicembre 2015”. Cosi’ l’assessore regionale all’agricoltura, Fernanda Cecchini in seconda commissione, dove ha annunciato l’avvio della procedura per mettere in atto la nuova programmazione. Invitata dal presidente della commissione, Gianfranco Chiacchieroni, l’assessore Cecchini ha spiegato che “la capacita’ di utilizzazione delle risorse comunitarie messe a disposizione dell’Unione europea per lo sviluppo rurale, e per le politiche nel settore tabacchicolo, ha permesso alla Regione Umbria di confermare la dotazione finanziaria storica di circa 800 milioni di euro, addirittura incrementandola. Questi fondi nei prossimi sette anni permetteranno di favorire la competitivita’ del comparto agricolo e di effettuare investimenti per la salvaguardia del patrimonio rurale e la conseguente valorizzazione turistica del territorio. La Comunita’ europea ha messo a disposizione dell’Italia circa 20 miliardi di euro in totale. 18 miliardi andranno alle Regioni e la parte rimanente andra’ a finanziare quattro azioni nazionali relative a specifiche linee d’intervento: gestione rischi, zootecnia e biodiversita’, piano irriguo e rete rurale”.

Invito: sulle tracce dei nuovi usurai. Quando denunciare non ti salva.

Aliani

VERSO LA MOBILITAZIONE CONTRO LA CRISI RURALE A ROMASULLE TRACCE DI NUOVI E VECCHI USURAI
“SE DENUNCIARE L’USURAIO NON TI PROTEGGE”

24 Gennaio 2014 – CONFERENZA STAMPA
Matera, P.zza V. Veneto davanti alla Prefettura – ore 9
Bari, V. Nazariantz davanti alla Procura della Repubblica – 
ore 11 

Proseguono le iniziative promosse da Altragricoltura per denunciare la crisi drammatica nelle aree rurali. Iniziative che conosceranno un passaggio importante il giorno 29 Gennaio a Roma quando delegazioni di agricoltori che arriveranno da diverse regioni italiane parteciperanno all’Udienza Pontificia a Roma insieme alle Fondazioni Antiusura per portare la sofferenza delle famiglie rurali e si troveranno nel pomeriggio per  un’assemblea nazionale di mobilitazione nella sede romana del Parlamento Europeo.
“Diverse le responsabilità e i pesi che gravano sulla condizione di vita nelle campagne che, in vaste aree del nostro Paese, vivono una vera condizione da economia di guerra. Per queste due settimane di mobilitazione straordinaria ne abbiamo indicate 5: il peso degli sciacalli che cercano di comprare all’asta o di approfittare della crisi per portare a casa per quattro soldi i beni delle aziende, quello degli usurai vecchi e nuovi, quello di speculatori commerciali che lucrano sui prezzi estorcendo il valore aggiunto prodotto dal lavoro, quello della lunga rete di burocrazia e di apparati inutili che dovrebbero servire servizi (come i Consorzi di Bonifica), quello della politica che continua a non vedere la crisi e ad adottare provvedimenti che la aggravano” sostiene Gianni Fabbris, coordinatore di Altragricoltura.
Attorno a questi punti si stanno sviluppando le iniziative di Altragricoltura per denunciare la crisi ed avanzare le proposte per uscirne.
Dopo che nella giornata di oggi (23 Gennaio) nell’azienda agricola occupata di Leonardo Conte a Policoro Altragricoltura ha posto il tema dello sciacallaggio e delle iniziative per arginarlo, il 24 Gennaio è la volta dell’usura con una iniziativa che si svilupperà fra Matera e Bari.
Primo appuntamento alle ore 9 davanti alla Prefettura di Matera in P.zza Vittorio Veneto per raccontare il caso dell’azienda agricola di Serafino Aliani, imprenditore agricolo in Provincia di Matera (circa 450 Ettari di proprietà) che ha denunciato il suo usuraio. “Iniziamo dalla Prefettura di Matera perchè il Prefetto ha avuto modo più volte di esortare gli agricoltori a denunciare l’usura. Servono, però, garanzie di certezza e di condizioni in cui la denuncia trovi riscontri certi, In questo caso  la denuncia di Aliani è stata girata per competenza a Bari (l’usuraio ha sede in Puglia) ma una volta arrivata a Bari si è “arenata”. “Racconteremo la sua vicenda” continua Gianni Fabbris “illustrando tre circostanze che rendono chiaro il salto di qualità compiuto dagli usurai e il contesto in cui agiscono con buona probabilità di passarla franca e continuare nel loro sporco lavoro”.
Terminata questa prima parte della mattinata davanti alla Prefettura di Matera, l’iniziativa si sposterà a Bari dove, insieme all’Avvocato diell’agricoltore, cercheremo di sapere dalla Procura della Repubblica a che punto stiano le cose e perchè, visto che ben due perizie (sia quella di parte sia quella disposta dal giudice) abbiano accertato l’usura non si provvede a impedire che l’usuraio metta all’asta la casa di Serafino Aliani (come in realtà sta facendo pretendendo di incassare titoli frutto della sua attività illecita)”.
Alle 11, dunque, è convocata una seconda parte della Conferenza stampa a Bari di fronte all’ingresso della Procura della Repubblica in Via Nazariantz.
Seguiremo le tracce, dunque, di un moderno e sofisticato usuraio, conosciuto dall’agricoltore in una stanza della sua banca, che opera sotto il nome di una tecnologica finanziaria e che continua a taglieggiare molti agricoltori fra la Puglia e la Basilicata, come attestano le denunce di altri imprenditori agricoli che si sono aggiunte a quella del primo agricoltore.
La conferenza stampa sarà, anche, l’occasione per parlare di casi di usura “classica” nelle campagne e di come, purtroppo, questa forma di strozzo sia in espansione.
La stampa è invitata. Per organizzarsi e/o spostarsi in auto da Matera a Bari info e contatti 3466483882

Invito il 23 gennaio a Policoro: contro gli sciacalli nel Metapontino

conte
In preparazione della giornata di mobilitazione a Roma contro la crisi rurale

 

GLI SCIACALLI AL LAVORO NELLE CAMPAGNE LUCANE HANNO TROPPE MANI LIBERE, 
PROPRIO COME ACCADE DURANTE UN’ECONOMIA DI GUERRA CON LA BORSA NERA: FERMIAMOLI!

CONFERENZA STAMPA NELL’AZIENDA DI POLICORO GIA’ COMPRATA ALL’ASTA 
NON LI FAREMO ENTRARE: PRESENTIAMO LA NOSTRA PROPOSTA PER RESTITUIRE LA TERRA A CHI LA HA FIN QUI LAVORATA

23 Gennaio 2014 ore 11 – Policoro C.da Madonnelle – Azienda Agricola e allevatrice di Leonardo Conte

Continuano i lavori di preparazione della giornata di mobilitazione promossa da Altragricoltura a Roma per il 29 Gennaio 2013 articolata nella mattina con la partecipazione degli agricoltori all’udienza Pontificia in P.zza San Pietro con le Fondazioni Antiusura  e nell’assemblea di mobilitazione del pomeriggio nella sede romana degli Uffici del Parlamento Europeo.
A partire da domani 23 Gennaio il territorio Lucano e Pugliese sarà interessato da una serie di iniziative sul tema della crisi. Si inizia domattina 23 Gennaio 2013 con un incontro alle ore 11 nella azienda di Leonardo Conte (al confine fra Tursi e Policoro) già luogo di una precedente manifestazione l’anno scorso.
Un anno fa un gruppo di agricoltori lucani, invitati e organizzati da Altragricoltura aveva occupato l’azienda di Leonardo Conte e Angela Ergastolo per impedire che chi aveva comprato all’asta per un tozzo di pane i beni della loro famiglia potesse prenderne possesso.
Era, infatti, accaduto che agli inizi di Gennaio 2013, nel chiuso di uno studio di commercialista di Matera, qualcuno aveva comprato all’asta per circa 80.000 Euro i beni di un’azienda che vale oltre mezzo milione di Euro approfittando della condizione di crisi in cui versava la famiglia degli agricoltori proprietari.
“Abbiamo denunciato questo ennesimo atto di vero sciacallaggio” aveva denunciato Gianni Fabbris nell’assemblea pubblica nella Sala Consigliare del Comune di Policoro aggiungendo, alla presenza delle autorità presenti,  “invitiamo chi ha comprato a recedere, a contattarci per trovare un accordo sulla base del principio per cui potrà recuperare le spese sostenute ma non potrà mai entrare nel possesso della terra. Almeno fino a quando Altragricoltura e gli agricoltori del territorio non difenderanno le ragioni di chi la ha legittimamente lavorata fin qui.”.
Nessuno, ad un anno di distanza, ha preso contatto e si è fatto vivo per cercare una soluzione ma, anzi, in questi giorni sono arrivati a Leonardo Conte intimazioni di rilascio della proprietà.
“A Gennaio dell’anno scorso abbiamo occupato la terra, dando vita ad un’associazione che ne conduce i terreni e che, nel frattempo, ha elaborato un progetto di riuso e rilancio” ricorda oggi Fabbris che dell’associazione (Rinascita Lucana) è Presidente “e non abbiamo alcuna intenzione di permettere che Leonardo Conte e la sua famiglia escano da quelle terre, anzi siamo sempre più determinati a sottrarre questo pezzo di territorio dalla facile speculazione di sciacalli che hanno l’unico interesse di lucrare sulla crisi e la vita delle persone per restituirla ad un uso sociale di interesse collettivo”.
Domattina 23 Gennaio 2013 alle ore 11, Altragricoltura e il Soccorso Contadino invitano la stampa nell’azienda di Leonardo Conte per denunciare i nuovi tentativi di prendere possesso della terra da parte degli sciacalli, chiedere l’intervento di mediazione dei Sindaci e illustrare il progetto e le proposte di risoluzione della vertenza.
L’incontro sarà, anche, l’occasione ulteriore sia per fare il punto sulla gravissima situazione delle famiglie rurali esposte sempre di più ai rischi usura e sciacallaggio sia per illustrare le iniziative in preparazione della giornata romana contro la crisi agricola del 23 Gennaio 2013.
Prossimi incontri sul territorio:
– Venerdi 24 Gennaio: ore 9 Matera (davanti alla Prefettura) e ore 11 Bari (davanti alla Procura della Repubblica) incontro sulle tracce dei nuovi usurai
– Lunedi 27 Gennaio: ore 18 Sala Consigliare di Policoro incontro con l’Assessore all’Agricoltura di Basilicata Michele Ottati su “Cosa ci aspettiamo dalla Regione Basilicata”La stampa è invitata

 

Invito ai soggetti impegnati contro la crisi rurale e per il diritto al cibo

udienza_papa_2colori (copia)Invito alle organizzazioni, movimenti, uomini e donne
impegnati contro la crisi nelle aree rurali e per il diritto al cibo

Molte iniziative si stanno realizzando in questi anni per sconfiggere, invertire, superare la crisi in cui è precipitata l’agricoltura italiana. Iniziative diverse, di confronto, di lotta, di denuncia, di pratiche tese ad affermare e riconquistare il diritto a produrre. Tutte hanno avuto gli stessi avversari: le scelte sociali e politiche che hanno portato alla crisi e le organizzazioni professionali storiche che, completamente delegittimate nella loro funzione di rappresentanza, continuano a mantenere lo status quo ad unico vantaggio della loro gestione delle quote di potere e degli interessi finanziari che ancora conservano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi