Nuove idee per l’agricoltura sostenibile

Pubblicato su today (vedi articolo originale)

Il bando ha l’obiettivo di raccogliere progetti innovativi in ambito tecnico e tecnologico per la ricerca dell’equilibrio di produzione agro-forestale, allevamento, pesca e itticoltura, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile e ponendo particolare attenzione alla tutela della biodiversità.

I progetti, improntati alla multidisciplinarietà, dovranno creare nuove opportunità di occupazione sociale sostenibile. Il premio in palio è di 30.000 euro al netto dell’eventuale Iva per il progetto vincitore.
Il bando è aperto a cittadini italiani e stranieri, in forma singola o associata, residenti e/o domiciliati in Italia, sotto ai 35 anni, che abbiano conseguito laurea in Italia o all’estero tra gli anni scolastici 2007/2008 e 2011/2012

I progetti proposti dovranno essere idonei a realizzare servizi e/o prodotti in ambito tecnico e tecnologico per la ricerca dell’equilibrio di produzione agro-forestale, allevamento, pesca e itticoltura, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile e ponendo attenzione all’aspetto della biodiversità e alla valorizzazione della filiera corta.
I progetti potranno essere applicati a:

  • tecniche di irrigazione che minimizzino il consumo, ma consentano un’adeguata resa
  • utilizzo di piante con geni correlati alla resistenza delle piante alla siccità, all’elevata concentrazione salina che inevitabilmente si crea nei terreni poveri di acqua e alla resistenza agli attacchi da agenti patogeni e parassiti
  • conservazione della biodiversità e dell’agro-biodiversità, contro l’eccesso di semplificazione genetica, strada che viene praticata quando si abbandonano le coltivazioni di piante di interesse alimentare di qualità, ma non particolarmente produttive o redditizie
  • applicazione di biofertilizzanti (batteri e miceti) che proteggano la pianta contro stress biotici e abiotici
  • conservazione delle specie animali in allevamento zootecnico senza abbandonare le produzioni di nicchia e migliorando quelle più diffuse
  • sviluppo dell’itticoltura come mezzo per contribuire a fornire alimenti per l’umanità senza distruggere con tecniche di rapina le risorse genetiche dei mari

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi