Giù le mani dalle nostre terre! Giù le mani dai beni della C.A.B. – Cooperativa Agricola di Basilicata Fermate le vendite all’asta

24.01.2013 – Com. stampa.

Domani 25 Febbraio, l’IVG tenterà di vendere per la seconda volta nel giro di una settimana i beni della Cooperativa Agricola di Basilicata (C.A.B). Cooperativa, ricordiamo, cui è stato riconosciuta per 7 anni la condizione di soggetto usurato e che, mentre sono in corso tuttora le procedure contro i soggetti accusati di usura, si vede vendere all’asta i beni. Il primo tentativo (andato a vuoto) si era consumato venerdi scorso 18 Gennaio ed in quella occasione l’incaricato alle vendite giudiziarie, per la prima volta nel Metapontino, era stato ricevuto da una mobilitazione di agricoltori, associazioni e istituzioni in risposta all’invito lanciato da Altragricoltura e dal Soccorso Contadino di Basilicata.
In quella sede le diverse associazioni presenti (Libera, Fondazione Antiusura Monsignor Cavalla, Adiconsum, Altragricoltura e Soccorso Contadino cui si è aggiunta nei giorni successivi l’Associazione ARCA Lucana per la legalità) hanno condiviso la proposta di scendere in mobilitazione per difendere questa azienda agricola dalla chiusura e per contrastare un processo che vede colpire quotidianamente centinaia di aziende agricole lucane ed, in particolare, del metapontino.
Processo che avviene mentre si susseguono gli allarmi di azioni criminali contro le aziende agricole e mentre la stessa DIA dichiara che il territorio è esposto all’infiltrazione criminale per effetto dell’espandersi del fenomeno dell’usura indotto dalla difficoltà di accesso al credito e dal trust del mercato ortofrutticolo.
Fra i risultati della giornata di mobilitazione delle associazioni e degli agricoltori tenuta venerdi scorso vi è la convocazione del Consiglio Comunale aperto di Scanzano Jonico che il Sindaco Salvatore Iacobellis, fra gli applausi degli agricoltori e di tutti i presenti, si è impegnato a convocare per il Primo Febbraio prossimo presso l’azienda di Scanzano Jonico presso cui sono custoditi i beni della CAB. In quella occasione si “DOVREBBE” tenere la vendita ad offerta libera “Sarà l’occasione per mettere in campo la migliore risposta delle istituzioni e della comunità del territorio di fronte al silenzio in cui si consumano troppi episodi che portano alla morte di un intero tessuto produttivo ” hanno annunciato insieme le diverse associazioni che stanno sostenendo l’iniziativa mentre, aggiunge Gianni Fabbris, “si preparano a guardare in faccia gli sciacalli che vorrebbero approfittare della situazione provando a comprare i beni della CAB all’asta”.

Mentre si prepara l’appuntamento del Primo Febbraio e si intensificano i passaggi istituzionali presso le sedi deputate a rispondere alla richiesta di sospensione dei procedimenti, domattina alle ore 10.30 davanti all’Istituto di Vendite Giudiziarie di Matera in Via Pentasuglia 18 le stesse associazioni si sono date appuntamento per presidiare la seconda asta e per dare conto alla stampa delle iniziative in corso.
Venerdi 25 Gennaio 2013 – ore 10,30, Matera Via Pentasuglia 18
Presidio e conferenza stampa davanti alla sede di Matera dell’IVG (Istituto Vendite Giudiziarie)
per impedire la vendita all’asta dei beni dell’ennesima azienda agricola del territorio. Verso il Consiglio Comunale aperto di Scanzano Jonico convocato nell’azienda sotto procedura di vendita del 1° Febbraio 2013 e la mobilitazione del territorio.

Clicca qui per partecipare all’evento.

Sicilia, violenta grandinata distrugge le serre.Serre danneggiate Serre danneggiate

Serre danneggiate
Serre danneggiate

Violenti fenomeni temporaleschi si sono concentrati nella Sicilia centro-meridionale, tra il ragusano e catanese, dove piogge torrenziali, unite a fulmini e grandine con chicchi grandi come palle da golf hanno provocato disagi alla popolazione e danni alla vegetazione. I fenomeni più violenti nella zona di Vittoria, dove sono ingenti i danni alle serre e alle coltivazioni, distrutti 2000000 di mq di serre. E’ stato un bombardamento dal cielo di chicchi di grandine grossi palle da golf, dice Mauruzio Giaculli, uno degli imprenditori agricoli che nei giorni scorsi ha portato avanti la battaglia contro la GDO. “Occorre attivare, subito, le procedure di declaratori a per la quantificazione certa dei danni prodotti dalla calamità naturale”, questa la richiesta avanzata dal Vice Presidente Vicario della Commissione ‘Bilancio e Programmazione’ dell’ARS, On. Vincenzo Vinciullo, con un’Interrogazione parlamentare al Presidente della Regione, all’Assessore al Territorio e Ambiente e all’Assessore per le Risorse Agricole ed Alimentari.” “L’intervento – ha dichiarato Vinciullo – è indispensabile e urgente, in quanto il settore attraversa un momento di profonda crisi e, con questa grandinata, rischia di essere definitivamente travolto”.

Foto di Giuseppe Cappello tratta dal web
Foto di Giuseppe Cappello tratta dal web

 

foto tratta dal web
foto tratta dal web

Invito: domani vogliono uccidere un’azienda agricola vendendola all’asta. Lo impediremo

altragricoltura

 

 

 

 

COORDINAMENTO DI BASILICATA

Invito alla conferenza stampa ed al presidio

per info Gianni Fabbris 3466483882

Scanzano Jonico, Via Vesuvio 15 – Presidio nell’azienda Agricola di Gaetano Fortunato alle ore 10,30 di Venerdì 18 Gennaio 2013

Domani vorrebbero vendere beni e proprietà di uno di noi …. non lo permetteremo!

 

Giù le mani dalle nostre terre!
Nonostante le continue denunce della insostenibile condizione delle aziende agricole del metapontino esposte all’usura,
continuano le vendite all’asta.

TJ. Oltre che il sostegno di Regione Basilicata e Provincia di Matera, anche quello della Regione Puglia e della Provincia di Taranto.

Comunicato Stampa – Metaponto 10 gennaio 2013

Domani 11 gennaio 2013 alle ore 18.30 assemblea del comitato con le rappresentanze istituzionali (comuni e province) a Metaponto presso il Motel San Marco sulla SS 175 di collegamento con Matera (dopo Serramarina)
Dopo la presa di posizione del Presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo, dell’Assessore all’agricoltura Rosa Mastrosimone, del Presidente della Provincia di Matera Franco Stella, arriva il sostegno del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e del Presidente della Provincia di Taranto Giovanni Florido. Ora è il momento di rispondere di nuovo tutti uniti, cittadini ed istituzioni.

Con una lettera al Comitato TerreJoniche (che alleghiamo), il Presidente Vendola ha espresso il proprio appoggio e sostegno alle richieste del Comitato ed al nuovo percorso di mobilitazione che si sta sviluppando in questi giorni, dopo che abbiamo dovuto prendere atto della decisione con cui il Parlamento ed il Governo hanno escluso la Puglia e la Basilicata dal rifinanziamento dei fondi (105 milioni di Euro) con cui verranno sostenuti interventi nelle aree alluvionate italiane.
In queste ore continuano i contatti del Comitato con i segretari delle forze politiche e le istituzioni del territorio per arrivare all’assemblea di domani a decidere le nuove forme di mobilitazione per (lo ricordiamo) ottenere:
 ·         che le istituzioni nazionali (Governo, Partiti e Parlamentari) ci spieghino e rimedino immediatamente all’offesa consumata nei confronti della dignità di tutti i cittadini lucani e pugliesi
·         che il Governo Nazionale stanzi immediatamente le risorse necessarie a risolvere (di concerto con le due Regioni Puglia e Basilicata) ferite aperte da un tempo indecente nel tessuto economico di famiglie, aziende e delle comunità lucane e pugliesi

Intanto il portavoce Gianni Fabbris sarà presente in diretta in due trasmissioni televisive per parlare della situazione dei territori alluvionati:
– oggi (giovedi 10 gennaio) in diretta nella trasmissione LIVE di studio 100 fra le ore 17 e le 17,30
– domani (venerdi 11 gennaio) in diretta a Buongiorno Regione da Bari dalle ore 7,30

Alluvione e crisi campagne, aziende agricole lucane in ginocchio

Una bilancia con un paio di bicchieri di vino per far capire  quanto pesa sulle vite degli agricoltori l’incapacità dei politici di dare risposte ad un territorio, per pesare quanto è stato fatto dal Comitato Terre Joniche per  rispondere ai bisogni del mondo agricolo lucano incalzando la politica e le istituzioni  e per misurare quanto peseranno le prossime azioni da mettere in campo per sollecitare interventi urgenti a favore delle famiglie che ricavano un reddito dai frutti della terra. Altragricoltura, rappresentata da Gianni Fabbris, ha convocato in mattinata i giornalisti in piazza Vittorio Veneto presso il belvedere Guerricchio per riaccendere i riflettori su due questioni che rischiano di provocare un disastro economico-produttivo e occupazione senza precedenti anche nel comparto agricolo lucano.

leggi tutto l’articolo su sassilive

Matera. Conferenza stampa congiunta Altragricoltura e Comitato TerreJoniche

particolare della conferenza stampa
particolare della conferenza stampa

Oggi a Matera si è svolta la conferenza stampa congiunta di Comitato TerreJoniche e Altragricoltura. E’ stata l’ennesima iniziativa che abbiamo messo in campo per fare il punto sull’attuazione degli interventi previsti a seguito dell’alluvione di Marzo 2011 nel Metapontino e per accellerare l’erogazione delle risorse finanziarie destinate alle aziende agricole danneggiate.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi